IN-DIPENDENZA O IN LIBERTA’

Stavolta vado diretta e ti faccio una domanda: da chi dipende la tua serenità, da cosa dipende il tuo equilibrio?

Io, per molti anni, ho lasciato che la mia felicità dipendesse da fattori esterni e che erano fuori dal mio controllo.

Nel tentativo di rispondere come potevo ai dolorosi colpi della vita, sono andata lungamente in cerca di approvazione e ho ripetutamente delegato il raggiungimento della mia felicità a un gesto di affetto, un complimento, una promozione lavorativa, un’autorità. Mi sono perfino messa in attesa, delegando il cambiamento, che tanto desideravo, al tempo che avrebbe sanato rapporti e determinato circostanze.

In un’inquietante altalena tra elemosina e illusione.

La dipendenza più impattante che ho sperimentato nella mia vita? Quella da cibo!

Ho scoperto a mie spese che dipendere da “altro”, siano esse persone, cose, circostanze, è molto pericoloso; se la conferma arriva tocchi il cielo con un dito e se non arriva? Il baratro! Il rischio è quello di ridiscutere il proprio valore, confutare scelte, perdere presa sulla propria vita. Oltre al fatto che dipendere da altri o da qualcosa limita fortemente nella libertà, relega al ruolo di spettatore passivo e resta solo la possibilità di re-agire in risposta a ciò che la vita sceglie per noi.

DELEGA E ATTESA SONO SUBDOLI INGANNI. AGISCI ORA!

Le deleghe che temo di più sono quelle della serie:

quando mi laureerò sarò soddisfatta/o e appagata/o”;

quando mi sposerò mi sentirò amata/o”;

quando diventerò madre mi sentirò realizzata” …

Tutto molto bello, se non fosse che il rischio di non realizzare mai questi intenti (se non in maniera casuale), è una certezza finché non scegli di agire, ORA.

Nessuno ti negherà la possibilità di sentirti soddisfatta/o, appagata/o, amata/o, realizzata/o a traguardo raggiunto, ma nel frattempo cosa fai? Rinunci a sperimentare la gioia di costruire giorno dopo giorno la realtà a cui aspiri?

Ricorda, la felicità sta nel viaggio, non nella meta!

Non lasciarti ingannare delegando il compimento del tuo futuro ad altri! Se ti aspetti che “altri” osservino gli stessi criteri che applicheresti tu alla tua ricerca di felicità, serenità o risultato, ti stai condannando alla sofferenza! Invece tu meriti di brillare!

Quindi afferra le chiavi della tua vita e decidi quali porte aprire, ora!

 

L’ALTRA FACCIA DELLA MEDAGLIA

Il primo passaggio fondamentale è definire le regole per il raggiungimento del tuo benessere.

Il secondo è renderti protagonista del processo che conduce al loro compimento, autodeterminando il corso degli eventi grazie alle risorse di cui già disponi. Devi dipendere da te stessa.

E allora il lavoro da fare è fortificarti esercitando la preziosa disinvoltura a volerti bene, tenerti stretta/o, accoglierti, conoscerti e comprenderti nelle tue zone di ombra, come in  quelle di luce.

In questo preciso momento hai tutto ciò di cui hai bisogno, sei completa/o.

Questo significa che tutto dipende da te, magari non totalmente nei contenuti, certamente nell’interpretazione che ne dai e nell’utilizzo a tuo vantaggio che ne fai!

Come? Inizia a scegliere gli stati d’animo che vuoi vivere e decidi quali atteggiamenti assumere, per esempio…

sorridi adesso senza alcun motivo, fallo ora, insieme a me e assapora la straordinaria libertà di cui hai appena iniziato a disporre!

Ora sai che se vuoi, puoi essere serena/o anche quando esternamente le circostanze sono sfidanti, decidi di sorridere anche quando accade qualcosa di spiacevole, cogli la libertà di scegliere ciò che è bene per te, indipendentemente dalle aspettative o dai desideri di persone che, probabilmente vogliono il tuo bene, ma semplicemente non sono te…

Se da sola, ancora non sei riuscita nell’intento, contattami: io sono qui per te!

Pin It on Pinterest

Share This