UN TEMPO MI DISPREZZAVO!

Quando vedevo una mia foto o coglievo la mia immagine riflessa in uno specchio provavo un senso di ribrezzo. Era una sensazione a metà tra pena e fastidio che assumeva i connotati di un rifiuto rabbioso e generava in me comportamenti compulsivi e pericolosi per me stessa. E come se il disagio che provavo non fosse abbastanza viscerale, puntualmente arrivava anche quella vocina nella mia testa a ripetermi delle cose poco piacevoli da ascoltare e mi offendeva, mi denigrava con affermazioni che sembravano dati di fatto, verità assolute, giudizi inconfutabili: “fai schifo” oppure “non ce la farai mai!” o ancora “tanto nessuno ti vuole”.

Che fosse reale o meno, quella condizione esisteva nella mia mente e costituiva la mia realtà.

PREPARATI A PERDERTI NEL TUO ABBRACCIO PIU’ AVVOLGENTE

Grazie al mental coaching ho cambiato radicalmente la mia vita: ho intravisto una scintilla di luce ed ho maturato delle nuove consapevolezze a livello emotivo, di relazione con me stessa e anche rispetto agli altri. Ho ristrutturato la mia identità e conseguentemente la visione che avevo della mia fisicità, imparando ad amarmi. Ho lavorato sulle convinzioni relative alla mia persona e al mio aspetto e scelto i miei criteri di valutazione. Ho definito gli obiettivi che volevo raggiungere per diventare la persona che desidero essere ed ho messo a punto un piano d’azione che mi ha portato alla Consuelo che anche tu incontri oggi! 

Mi sono rinforzata straordinariamente nell’Amore verso me stessa.
Questo è stato il dono più grande che potessi farmi!

Oggi sono in grado, non solo di amarmi ed abbracciarmi, anche di preservarmi da tutto ciò che potrebbe arrivare dall’esterno. Vuoi sapere come ho fatto? Inizia rispondendo a questa domanda: 

Seppure io fossi veramente la più brutta persona al mondo, per i più svariati motivi, tu ti prenderesti la libertà di denigrarmi, svilirmi, vessarmi?

Probabilmente no! Verosimilmente ti approcceresti alla situazione con rispetto e delicatezza, in modo costruttivo, analizzando i vari aspetti, comprendendo cosa ha mosso i miei comportamenti, contestualizzandoli nel tempo e nello spazio, fino a darmi la classica pacca sulla spalla di incoraggiamento per la serie “ora hai capito e la prossima volta saprai come agire in modo più efficace”.
Allora, se sei disposto a farlo tu, perché io dovrei fare il contrario, negarmi questa indulgenza e perdere l’opportunità di crescere con fiducia proprio grazie a ciò che di me ancora non mi piace? E anche tu sei come me, sei unica/o, nelle le tue capacità e i tuoi limiti, nei tuoi pregi e i tuoi difetti ed è giusto e bello accettarti, accoglierti e amarti così come sei, in questo preciso istante!

mi-faccio-schifo

TU SEI UN ESSERE SPECIALE, ABBI CURA DI TE!

Essere efficaci nella comunicazione con noi stessi e con gli altri è un’abilità indispensabile per ottenere risultati nelle diverse aree della vita. Quando comunichiamo con noi stessi abbiamo la possibilità di annientarci, come anche l’opportunità di soddisfare i nostri bisogni, incontrare i nostri valori, nutrire la nostra autostima. Quando parliamo con gli altri usiamo le parole, il tono o ancora espressioni del viso e del corpo che sviliscono o rinforzano il messaggio che esprimiamo verbalmente. Questi due tipi di comunicazione hanno delle regole precise da seguire per essere efficaci, nella consapevolezza che comunicare bene con se stessi e con gli altri significa avere successo personale e raggiungere l’equilibrio dentro e fuori di noi.
E visto che aprirmi a questa conoscenza mi aveva restituito alla vita, ho sentito forte in me l’esigenza di donare anche agli altri la possibilità di rinascere e vivere un’esistenza felice e appagante. È così che ho deciso di sviluppare queste abilità studiando le tecniche di coaching ed ho iniziato ad usarle quotidianamente con le persone che alleno ad eccellere

Oggi quella persona sei tu e ti farò un regalo. Sei pronto a sperimentare sulla tua pelle la strategia che sto per passarti?

IL SEGRETO È L’IRONIA

Se anche tu hai una vocina insolente che ti schiaffeggia verbalmente, segui scupolosamente queste istruzioni:

  • Abbassa progressivamente il volume della vocina che ti ripete “Fai schifo” fino a zittirla o, in alternativa, allontanala da te fino a non udirla più. 
  • Pensa a un personaggio reale o di fantasia che suscita la tua ilarità (io uso Paperino!) e gioca con la sua voce, tono, timbro e accento, rendendola quanto più ridicola possibile. 

Divertiti sfidando quella voce e mentre la indebolisci rendendola poco credibile alle tue stesse orecchie, nota come, tra una risata e l’altra, la tua sicurezza aumenta esponenzialmente!

E RICORDA CHE LA PERSONA PIU’ IMPORTANTE SEI TU

Ora, indipendentemente dal livello di divertimento ed ironia che hai raggiunto con l’esercizio appena svolto, inizia a rispondere a questa domanda ogni giorno:

Cosa posso fare oggi per trattarmi ancora meglio, cosa posso dirmi oggi di meraviglioso?”

In questo articolo hai scoperto che risponderti in modo utile è possibile. Se vuoi incontrare presto la nuova e bellissima immagine di te allo specchio, allena costantemente pensieri e comportamenti, da sola/o o insieme a me!

Pin It on Pinterest

Share This